Bisolvon tosse sciroppo  sedativo 2mg/ml  200 ml
Omaggi per
ogni acquisto
Spedizione gratis
oltre 44,90€
Accumula punti
con ogni prodotto

Bisolvon tosse sciroppo sedativo 2mg/ml 200 ml

7,95Prezzo Farmasmile.it

0 out of 5

Esaurito

Codice Minsan: 038593012. Categoria: .

DENOMINAZIONE
BISOLVON TOSSE SEDATIVO 2 MG/ML SCIROPPO

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Sedativi della tosse.

PRINCIPI ATTIVI
Destrometorfano bromidrato 2 mg/ml.

ECCIPIENTI
Saccarina, maltitolo soluzione , propilenglicole, aroma vaniglia, aroma albicocca, metil-paraidrossibenzoato, acqua depurata.

INDICAZIONI
Sedativo della tosse.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Ipersensibilita’ al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Asma bronchiale, BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva), polmonite, difficolta’ respiratorie, depressione respiratoria, malattie cardiovascolari, ipertensione, ipertiroidismo, glaucoma, ipertrofia prostatica, stenosi dell’apparato gastroenterico ed urogenitale, epilessia, gravi malattie epatiche. Non somministrare ai bambini di eta’ inferiore a 12 anni. Non deve essere somministrato ai pazienti con intolleranza al fruttosio. Non usare contemporaneamente o nelle due settimane successive a farmaci antidepressivi inibitori delle MAO. Gravidanza, inparticolare nel primo trimestre, allattamento. In caso di rare condizioni ereditarie di incompatibilita’ con uno degli eccipienti l’uso delmedicinale e’ controindicato.

POSOLOGIA
Adulti e ragazzi oltre i 12 anni: 1-2 misurini, corrispondenti a 5-10ml di sciroppo (destrometorfano bromidrato 10-20 mg) 4 volte al giorno. La dose massima giornaliera e’ di 8 misurini corrispondenti a 40 mldi sciroppo (destrometorfano bromidrato 80 mg). Bambini di eta’ inferiore a 12 anni: non deve essere usato.

CONSERVAZIONE
Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

AVVERTENZE
Il destrometorfano puo’ dare assuefazione. A seguito di un uso prolungato, i pazienti possono sviluppare tolleranza al medicinale, cosi’ come dipendenza mentale e fisica. I pazienti con tendenza all’abuso o alla dipendenza devono assumerelo sciroppo per brevi periodi. Una tosse cronica puo’ essere un sintomo precoce di asma e quindi il prodotto none’ indicato per la soppressione della tosse cronica, in particolare nei bambini. Non deve essere usato nei bambini al di sotto dei 12 annidi eta’. In caso di tosse irritante con una notevole produzione di muco, il trattamento con il medicinale come sedativo della tosse dovrebbeessere somministrato con particolare cautela e solo dopo un’attenta valutazione del rischio-beneficio. Somministrare con cautela, e solo dopo un’attenta valutazione del rischio-beneficio, nei soggetti con alterata funzionalita’ epatica o che stanno assumendo farmaci antidepressivi, come i farmaci inibitori delle MAO. Lo sciroppo contiene metil-paraidrossibenzoato. Puo’ causare reazioni allergiche (anche ritardate).La dose massima giornaliera raccomandata contiene 34,72 g di maltitolosoluzione: i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, non devono assumere questo medicinale. Il valore calorico del maltitolo e’ di 2,3 kcal/g. In caso di diabete e diete ipocaloriche i soggetti dovrebbero tenerne conto nel computo della dieta. Esso puo’ avere un lieve effetto lassativo. E’ sconsigliabile, durantela terapia, l’assunzione di alcool. E’ sconsigliabile un trattamento prolungato oltre i 5-7 giorni.

INTERAZIONI
Non usare contemporaneamente e nelle settimane successive a terapia con antidepressivi; il pre-trattamento o il trattamento concomitante confarmaci antidepressivi del tipo inibitori delle MAO puo’ indurre lo sviluppo di una sindrome serotoninergica con i seguenti sintomi caratteristici: iperattivita’ neuromuscolare (tremore, spasmo clonico, mioclono, aumento della risposta riflessa e rigidita’ di origine piramidale), iperattivita’ del sistema nervoso autonomo (diaforesi, febbre, tachicardia, tachipnea, midriasi) e stato mentale alterato (agitazione, eccitazione, confusione). La somministrazione concomitante di farmaci conun effetto inibitorio sul sistema nervoso centrale quali ipnotici, sedativi o ansiolitici, o l’assunzione di alcool, possono portare ad effetti additivi. La somministrazione concomitante di farmaci – in particolare: amiodarone, chinidina, fluoxetina, aloperidolo, paroxetina, propafenone, tioridazina, cimetidina e ritonavir -che inibiscono l’attivita’ enzimatica della citocromo P450-2D6 nel fegato, e quindi, il metabolismo del destrometorfano puo’ portare ad un aumento della concentrazione plasmatica del destrometorfano. Anche se al momento non vengono piu’ assunti, tali effetti possono verificarsi se questi medicinali sono stati assunti di recente. Se il destrometorfano viene utilizzato incombinazione con secretolitici, la riduzione del riflesso della tossepuo’ portare ad un grave accumulo di muco.

EFFETTI INDESIDERATI
Disturbi psichiatrici, patologie del sistema nervoso, patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. Comuni (>= 1/100 <1/10): vertigini, affaticamento; molto rari (<1/10.000): casi diabuso e dipendenza da destrometorfano, sonnolenza, allucinazioni. Disturbi del sistema immunitario. Non noti: reazioni di ipersensibilita'.Patologie gastro-intestinali. Comuni (>= 1/100 <1/10): nausea, vomito, disturbi gastrointestinali e riduzione dell'appetito. GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
I risultati degli studi epidemiologici su un campione limitato di popolazione non hanno indicato un aumento della frequenza delle malformazioni nei bambini che sono stati esposti a destrometorfano durante il periodo prenatale. Tuttavia, questi studi non documentano adeguatamenteil periodo e la durata del trattamento con destrometorfano. Gli studidi tossicita’ riproduttiva sugli animali non indicano per il destrometorfano un potenziale rischio per l’uomo. Non deve essere usato durantei primi tre mesi di gravidanza; inoltre, poiche’ la somministrazionedi alte dosi di destrometorfano, anche per brevi periodi, puo’ causaredepressione respiratoria nei neonati, nei mesi successivi il farmacodeve essere somministrato solo in caso di effettiva necessita’ e dopoun’attenta valutazione dei benefici e dei rischi. Poiche’ non e’ notal’escrezione del farmaco nel latte materno e non puo’ essere escluso un effetto di depressione respiratoria sul neonato, il medicinale e’ controindicato durante l’allattamento.

Questa scheda è stata redatta utilizzando informazioni fornite dalla ditta produttrice. Si segnala che il packaging dei prodotti è suscettibile a periodici rinnovamenti da parte delle case produttrici, pertanto la foto del prodotto può non essere aggiornata; l'unico dato a cui far riferimento è il codice ministeriale univoco.