Suadian soluzione cutanea con nebulizzatore 1% 30 ml
Omaggi per
ogni acquisto
Spedizione gratis
oltre 44,90€
Accumula punti
con ogni prodotto

Suadian soluzione cutanea con nebulizzatore 1% 30 ml

12,20Prezzo Farmasmile.it

0 out of 5

2 disponibili

Codice Minsan: 028480046. Categoria: .

DENOMINAZIONE
SUADIAN

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Antimicotici per uso topico.

PRINCIPI ATTIVI
Naftifina cloridrato.

ECCIPIENTI
Crema: sodio idrossido, alcool benzilico, sorbitano monostearato, cetilpalmitato, alcool cetilico, alcool stearilico, polisorbato 60, isopropilmiristato, acqua depurata. Soluzione cutanea: propilenglicole, alcool etilico, acqua depurata.

INDICAZIONI
Infezioni micotiche della cute (dermatomicosi) e delle unghie (onicomicosi), causate da dermatofiti, lieviti, muffe.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Ipersensibilita’ al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati.

POSOLOGIA
Il prodotto va applicato normalmente una sola volta al giorno (alla sera). E’ tuttavia possibile, qualora il medico lo ritenga opportuno, applicare il prodotto 2 volte al giorno (mattino e sera). Prima dell’applicazione le aree colpite vanno accuratamente deterse e lasciate asciugare. La crema va applicata in strato sottile sulla cute infetta e sull’area circostante e fatta penetrare con un lieve massaggio. Nel casodi infezioni degli spazi intertriginosi (spazi interdigitali, pieghe gluteali, inguinali, sottomammarie), lo strato applicato puo’ essere protetto con una garza, particolarmente nel corso della notte. La cremae’ indicata per il trattamento delle micosi localizzate nelle pieghe cutanee e sulla cute glabra o con scarsa copertura pilifera. La soluzione con contagocce e’ indicata in modo particolare per il trattamento delle zone cutanee ricoperte da peli e nelle otomicosi. La soluzione con nebulizzatore e’ indicata per il trattamento di infezioni cutanee particolarmente estese, anche se localizzate al cuoio capelluto o interessanti zone pilifere. Durata del trattamento: il miglioramento dei sintomi clinici si verifica in genere entro pochi giorni; tuttavia, poiche’ i reperti colturali e microscopici possono rimanere positivi per uncerto periodo di tempo, il trattamento andrebbe protratto per almeno2 settimane dopo l’avvenuto accertamento della guarigione clinica. L’uso irregolare o la prematura sospensione del trattamento comportano ilrischio di ricadute. Qualora pero’ non vi siano segni di miglioramento dopo 4 settimane si dovrebbe verificare la diagnosi.

CONSERVAZIONE
Non conservare a temperatura superiore ai 25 gradi C.

AVVERTENZE
Il farmaco crema e soluzione cutanea sono indicati esclusivamente peruso esterno. Si raccomanda di evitare la loro applicazione sul contorno degli occhi. E’ necessario tenere presente che la soluzione, contenendo alcool, puo’ causare irritazione se applicata su ferite aperte, abrasioni, ecc. In tali casi si consiglia l’uso della crema. L’uso del prodotto, specie se prolungato, puo’ dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso occorre interrompere il trattamento ed istituire una terapia adeguata. Il farmaco in crema contiene alcol cetilico ealcol stearilico. Questi eccipienti possono causare reazioni cutaneelocali (ad es. dermatite da contatto). Il medicinale soluzione cutaneacontiene propilenglicole. Questo eccipiente puo’ causare irritazionecutanea.

INTERAZIONI
Non sono stati condotti studi di interazione. Per quanto non siano riportate in letteratura interazioni medicamentose della naftifina con altri farmaci, non e’ consigliabile la somministrazione contemporanea dialtri farmaci per uso topico.

EFFETTI INDESIDERATI
Le seguenti frequenze sono utilizzate per la valutazione degli effettiindesiderati: molto comune (>=1/10); comune (>=1/100, <1/10); non comune (>=1/1.000, <1/100); raro (>=1/10.000, <1/1.000); molto raro (<1/10.000); non nota. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sededi somministrazione. Non nota: sensazione di secchezza cutanea, arrossamento e bruciore. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non nota: dermatite da contatto. La segnalazione delle reazioni avversesospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale e' importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
Non sono stati effettuati studi al fine di investigare l’effetto di Suadian sulla fertilita’. Ad oggi non c’e’ o e’ solo molto limitata l’esperienza con l’uso di naftifina nelle donne in gravidanza. Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti di tossicita’ riproduttiva. A scopo precauzionale, l’applicazione del medicinale deve essere evitata durante la gravidanza e durante l’allattamento.

Questa scheda è stata redatta utilizzando informazioni fornite dalla ditta produttrice. Si segnala che il packaging dei prodotti è suscettibile a periodici rinnovamenti da parte delle case produttrici, pertanto la foto del prodotto può non essere aggiornata; l'unico dato a cui far riferimento è il codice ministeriale univoco.