Tantum Verde Gola nebulizzatore 0,25% 15 ml
Omaggi per
ogni acquisto
Spedizione gratis
oltre 44,90€
Accumula punti
con ogni prodotto

Tantum Verde Gola nebulizzatore 0,25% 15 ml

6,95Prezzo Farmasmile.it

0 out of 5

3 disponibili

Codice Minsan: 034015026. Categoria: .

DENOMINAZIONE
TANTUM ACTIV GOLA

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Stomatologici.

PRINCIPI ATTIVI
Flurbiprofene.

ECCIPIENTI
>>Collutorio: glicerolo, etanolo (96%), sorbitolo liquido cristallizabile, olio di ricino 40 poliossietilenato idrogenato, saccarina sodica,potassio bicarbonato, sodio benzoato, aroma menta, blu patent V (E 131), acqua depurata >>Soluzione: glicerolo, etanolo (96%), sorbitolo liquido cristallizabile, saccarina sodica, potassio bicarbonato, sodio benzoato, aroma menta, polisorbato 20, acqua depurata.

INDICAZIONI
Trattamento sintomatico di stati irritativo-infiammatori, anche associati a dolore del cavo oro-faringeo (ad es. faringiti, gengiviti, stomatiti), anche in conseguenza di terapia dentaria conservativa o estrattiva.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Ipersensibilita’ (asma, orticaria o di tipo allergico) verso il flurbiprofene o ad uno qualsiasi degli eccipienti e verso aspirina o altri FANS. Al terzo trimestre di gravidanza. Pazienti che sono affetti da ulcera peptica o che ne sono stati affetti in passato.

POSOLOGIA
Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della piu’ bassa dose efficace per la piu’ breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi. >>Collutorio: 2-3 risciacquio gargarismi al giorno con 10 ml di collutorio. Puo’ essere diluito in acqua. Versare nel bicchierino dosatore 10 ml di collutorio da utilizzare in forma pura, come gargarismo, o in forma diluita, come sciacquo orale, aggiungendo acqua nel bicchierino stesso. >>Soluzione: 2 spruzzi 3 volte al giorno indirizzati direttamente sulla parte interessata. Ogni spruzzo eroga 0,2 ml di soluzione equivalenti a 0,5 mg di principio attivo. Utilizzare il farmaco all’occorrenza, in qualsiasi momento della giornata.

CONSERVAZIONE
Non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

AVVERTENZE
Alle dosi consigliate l’eventuale deglutizione occasionale del prodotto non comporta alcun danno per il paziente in quanto tali dosi sono ampiamente inferiori a quelle comunemente utilizzate nei trattamenti conflurbiprofene per via sistemica. Usare con cautela da pazienti con asma non allergico, infatti sono stati riportati casi di broncospasmo con flurbiprofene in pazienti con anamnesi di asma bronchiale. L’impiego, specie se prolungato, puo’ dare origine a fenomeni di sensibilizzazione o di irritazione locale. In tali casi occorre interrompere il trattamento e istituire, se necessario, una terapia idonea. Non usare pertrattamenti protratti. L’uso di medicinali contenenti alcool etilico puo’ determinare positivita’ ai test antidoping in rapporto ai limiti di concentrazione alcolemica indicata da alcune federazioni sportive.

INTERAZIONI
Non sono note interazioni con altri farmaci o di altro genere.

EFFETTI INDESIDERATI
L’uso, specie se prolungato, puo’ dare origine a fenomeni di sensibilizzazione e di irritazione locale, in tal caso occorre interrompere iltrattamento ed istituire, se necessario, una terapia idonea. Questi fenomeni sono generalmente transitori. Disturbi del sangue e del sistemalinfatico: trombocitopenia, anemia aplastica e agranulocitosi. Disturbi del sistema immunitario: anafilassi, angioedema, reazione allergica. Disturbi del sistema nervoso: capogiri, accidenti cerebrovascolari,disturbi visivi, neurite ottica, emicrania, parestesia, depressione, confusione, allucinazione, vertigine, disagio, affaticamento e sonnolenza. Disturbi acustici e del labirinto: tinnito. Disturbi respiratori,toracici e mediastinali: reattivita’ del tratto respiratorio (asma, broncospasmo e dispnea). Disturbi gastrointestinali: nausea, vomito, diarrea, flatulenza, costipazione, dispepsia, dolore addominale, melena,ematemesi, stomatiti ulcerative, emorragia gastrointestinale ed esacerbazione di colite e morbo di Crohn. Meno frequentemente sono state osservate gastrite, ulcera peptica, perforazione e emorragia da ulcera. Disturbi cutanei e ai tessuti sottocutanei: rash, prurito, orticaria, porpora e molto raramente dermatosi bollose (includenti Sindrome di Stevens- Johnson, necrolisi tossica epidermica ed eritema multiforme). Disturbi renali e all’apparato urinario: nefrotossicita’ in varie forme,inclusi nefrite interstiziale e sindrome nefrotica. Sono stati riportati rari casi di insufficienza renale.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, il flurbiprofene non deve essere somministrato se non in casi strettamente necessari.La somministrazione di flurbiprofene non e’ comunque raccomandata nelle madri che allattano.

Questa scheda è stata redatta utilizzando informazioni fornite dalla ditta produttrice. Si segnala che il packaging dei prodotti è suscettibile a periodici rinnovamenti da parte delle case produttrici, pertanto la foto del prodotto può non essere aggiornata; l'unico dato a cui far riferimento è il codice ministeriale univoco.